-nessuno-

Trivelle, Greenpeace Italia, Legambiente e WWF scrivono a Governo e Regioni

Venerdì, 24 Febbraio 2017
Le tre associazioni ambientaliste chiedono conto al Governo delle politiche sulle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi e invitano che le Regioni avevano promosso il referendum di aprile, a confermare l’impegno sul tema della difesa dei mari italiani.

“L’Italia è un Paese refrattario alla pianificazione degli interventi in campo energetico, con un  Governo che rischia di porsi al di fuori dall’Europa e dagli impegni assunti su scala internazionale, e continua a dare carta bianca alle aziende petrolifere - in primis ENI e Edison -,a interessi industriali ad alto rischio ambientale, senza un disegno unitario.”
 
Con una lettera aperta al Presidente del Consiglio, ai Ministri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e ai Governatori delle Regioni, Greenpeace Italia, Legambiente e WWF chiedono “come mai  il Governo italiano, violando gli impegni assunti con il recepimento della Direttiva comunitaria Offhsore (con il Dlgs n. 145/2016), si rifiuti ancora oggi di prevedere una programmazione delle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi da sottoporre a Valutazione Ambientale Strategica, mentre procede  ad aprire Valutazione di Impatto Ambientale sulle singole istanze per permessi di ricerca offshore, che rappresentano la categoria più numerosa tra le procedure oggi aperte (37,5% con 6 istanze su 16; seguono 3 per autostrade, 2 per impianti idroelettrici, 2 per reti ad alta tensione, 2 per porti, 1 per aeroporti).”
 
Ai governatori delle Regioni che avevano promosso il referendum dello scorso 17 aprile, le tre associazioni chiedono in particolare di  confermare l’impegno sul tema della difesa dei mari italiani sollecitando, con le associazioni, i comitati e la società civile, il ripristino del Piano delle Aree come strumento di monitoraggio e verifica della pressione ambientale sugli ecosistemi marini.

Per gli ambientalisti “il Governo deve soprattutto dimostrare di essere coerente con gli impegni europei e internazionali sulle scelte energetiche assunti a seguito dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici per la de carbonizzazione dell’economia e il progressivo abbandono delle fonti fossili.”
 
Nella Lettera Aperta le tre associazioni ambientaliste chiedono al Governo Gentiloni di:
 
1. riparare al danno fatto dal Governo Renzi, con la raffazzonata modifica contenuta nella Legge di Stabilità 2016 di una delle poche disposizioni positive del decreto Sblocca Italia, che all’articolo 38, comma 1 bis (cancellato improvvidamente per esigenze strumentali pre-referandarie) prevedeva la redazione di “Piani delle aree”, fortemente voluti dalle Regioni e dai Comuni, per le attività di estrazione degli idrocarburi;
 
2. dare finalmente concreta attuazione a quanto previsto dall’articolo 5 del decreto legislativo n. 145/2016 di recepimento della Direttiva europea “Offshore”, che prevede sia garantita la partecipazione pubblica tramite alle procedure di valutazione ambientale strategica su piani e programmi, per  alutare organicamente e cumulativamente i possibili effetti sull’ambiente delle operazioni in  mare nel settore degli idrocarburi, nell’interesse delle popolazioni e degli enti locali;
 
3. discutere pubblicamente, impostare e dare concreta attuazione al più presto a una nuova Strategia nazionale energetico/climatica richiesta dopo l’Accordo di Parigi che punti convintamente sulle fonti rinnovabili, sul risparmio e l’efficienza energetica, chiudendo al più presto il capitolo delle fonti non rinnovabili più inquinanti.
 
Greenpeace, Legambiente e WWF chiedono, appoggiando le analoghe richieste della rete dei comitati No Triv, un segnale positivo dal Governo Gentiloni, un atto concreto che dimostri che l’Italia vuole davvero essere uno dei Paesi più avanzati al mondo.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF