Rinnovabili

Proroga detrazioni fiscali, i dubbi su solare termico e pompe di calore

Venerdì, 31 Maggio 2013
Redazione Qualenergia.it
Dal comunicato del Consiglio dei Ministri sulla conferma della proroga della detrazione fiscale non risulta chiaro il destino degli impianti solari termici, a pompe di calore e delle caldaie a condensazione. Stando alla versione più recente del decreto sembra però che le detrazioni del 65% varranno ancora per il solare termico mentre restano escluse le pompe di calore.

Progressi verso la vernice fotovoltaica organica

Venerdì, 31 Maggio 2013
Redazione Qualenergia.it
Alla Univerisity at Buffalo si stanno facendo progressi nel campo del fotovoltaico organico, per avere celle più versatili e meno costose di quelle attuali. L'innovazione attorno alla quale ruota il lavoro dei ricercatori dell'ateneo newyorkese è quella di usare celle organiche plasmonicamente potenziate con inserti di nanoparticelle metalliche.

Storage: incentivi anche negli Usa, mentre l'Italia rischia di perdere il treno

Giovedì, 30 Maggio 2013
Redazione Qualenergia.it
Dopo la Germania, anche gli Usa pensano a un incentivo per gli accumuli di energia, con sgravi fiscali fino al 30%. Lo storage taglia i costi per sistema elettrico e consumatori, scrivono i firmatari della legge. In Italia intanto si parla di penalizzare l'autoconsumo, che vorrebbe dire condannare a morte prematura accumuli e generazione distribuita.

Soluzione italiana per la produzione di energia dalle onde

Giovedì, 30 Maggio 2013
Alessandro Codegoni
Michele Grassi, pisano di 43 anni, ha realizzato nel 2005 un generatore in grado di trasformare in elettricità il moto delle onde marine, restando completamente immerso, quindi invisibile e al riparo dalle tempeste. Dopo otto anni l’idea è ora un prodotto. Il protipo verrà installato in Toscana ed è pronto per entrare in produzione. In Italia?

Se la parola d’ordine è transizione energetica

Mercoledì, 29 Maggio 2013
Leonardo Berlen
Il fotovoltaico in Italia può limitarsi ad immaginare una proiezione stagnante del mercato o dovrebbe puntare nei prossimi 7-8 anni a fare almeno quanto realizzato negli scorsi quattro? Lo scontro tra generazione centralizzata e distribuita è palese e le armi pesanti sono dalla parte degli operatori energetici convenzionali, ma il futuro no. E la partita si gioca adesso.

Verso i 100 TWh rinnovabili: onori e oneri. Un documento di eLeMeNS

Mercoledì, 29 Maggio 2013
Domanda elettrica in calo e produzione da rinnovabili in crescita. Conflitto con i produttori convenzionali. Fotovoltaico senza più incentivi e alle prese con l'incertezza normativa sull'autoconsumo, eolico e biomasse alle prese con i nuovi meccanismi premianti. Il punto della situazione nell'ultimo LookOut – Rinnovabili Elettriche, di eLeMeNS.

Oneri sull'autoconsumo: il FV su tetto è già in pericolo?

Mercoledì, 29 Maggio 2013
Giulio Meneghello
Le novità normative ventilate dall'Autorità stanno già producendo effetti concreti. Paradossalmente spingono il FV verso i grandi impianti a terra, mettendo a rischio l'affermarsi di un modello basato sulla generazione distribuita, che, oltre a dare ossigeno e occupazione alle filiere interessate, alleggerirebbe i costi per il sistema elettrico.

Il clima ostile alle rinnovabili e la lobby europea del fracking gas

Lunedì, 27 Maggio 2013
Gianni Silvestrini
Mentre in Italia e in Europa continua l’attacco alle rinnovabili adducendo come motivazione l’eccessivo peso degli incentivi in bollette, l’Europa, sotto la spinta di forti lobby di settore, apre allo shale gas da produrre attraverso la controversa tecnica del fracking. Ma il vecchio continente è altra cosa rispetto agli Usa. L’editoriale di Gianni Silvestrini.

Conto energia fotovoltaico, pubblicato 2°registro: 4,5 milioni alla soglia

Venerdì, 24 Maggio 2013
Redazione Qualenergia.it
Il GSE ha pubblicato la graduatoria degli impianti fotovoltaici iscritti al secondo Registro. Sono 3690, per una potenza di circa 726,85 MW e un costo di 58 milioni di euro. Aggiornato a oggi il contatore della spesa segna 6,695 miliardi. Mancano dunque circa 4,5 milioni al raggiungimento del tetto di spesa di 6,7 miliardi che precederà di 30 giorni la fine degli incentivi.

Cip6, come spenderemo 500 milioni più del dovuto

Giovedì, 23 Maggio 2013
Redazione Qualenergia.it
Adeguando gli incentivi Cip6 per rinnovabili ed assimilate ai nuovi metodi di calcolo del prezzo del gas, come suggerito dall'Autorità per l'Energia elettrica e il gas, si sarebbe potuta allegerire la componente A3 della bolletta di 500 milioni di euro. Ma un decreto dell'ultima ora del ministro Passera lo ha impedito. Chi ne ha beneficiato?