Nucleare

Clima, con la siccità rischia molto anche il termoelettrico

Lunedì, 11 Gennaio 2016
Redazione Qualenergia.it
Secondo un nuovo studio, la carenza di acqua prevista in varie zone del Pianeta potrebbe portare a forti cali della produzione elettrica nel 60% degli impianti. Colpite, oltre all'idroelettrico, le centrali termoelettriche a partire da nucleare e carbone che hanno i fabbisogni di acqua più ingenti.

FIRST KIT CAMPAIGN - L'offerta LOW COST di QualEnergia.it

Martedì, 1 Dicembre 2015
Con l'offerta FIRST KIT CAMPAIGN la tua Azienda può essere presente su QualEnergia.it. Con QualEnergia.it sarà più facile trovare la tua Azienda su internet e promuovere il tuo brand. Scopri come.

Il PORTALE DI INFORMAZIONE SULL’ENERGIA PIÙ VISITATO IN ITALIA

World Energy Outlook IEA: con prezzi del petrolio bassi sicurezza a rischio

Martedì, 10 Novembre 2015
Redazione Qualenergia.it
Un periodo prolungato di prezzi del barile bassi farà aumentare la dipendenza da un numero ristretto di produttori, si avverte nel nuovo World Energy Outlook pubblicato oggi. Per il futuro prevista una forte crescita delle energie rinnovabili, ma non basterà a evitare il disastro climatico.

Dimissioni Ad Sogin, preoccupazione per deposito scorie nucleari

Giovedì, 29 Ottobre 2015
Redazione Qualenergia.it
Ieri la notizia delle dimissioni di Riccardo Casale, Ad Sogin, la società di Stato che gestisce il decommissioning del nucleare. Per gli antinuclearisti è "l'ultimo capitolo di una vicenda tutta in negativo”, quella del deposito nazionale per le scorie nucleari con ritardi e poca trasparenza.

Il fotovoltaico con accumulo costerebbe metà del nuovo nucleare

Lunedì, 26 Ottobre 2015
Redazione Qualenergia.it
Secondo i calcoli di un'associazione britannica del solare, nei 35 anni di vita previsti la centrale di Hinkley Point C incasserà sussidi per 29,7 miliardi di sterline, contro i 14,7 miliardi necessari per ottenere la stessa quantità di energia con un mix di solare fotovoltaico e sistemi di accumulo.

Lo scandalo Volkswagen, “Fukushima" dell’automobile

Venerdì, 25 Settembre 2015
Gianni Silvestrini
Lo scandalo Volkswagen inciderà sull’industria automobilistica, proprio come il disastro alla centrale nucleare di Fukushima ha trasformato il sistema elettrico. Per i modelli diesel l’impatto sarà notevole e la spinta verso l'elettrico più veloce. Un’altra “disruptive technology” è all'orizzonte?

Rifiuti radioattivi, per gli esperti del decommissioning il DM sulla classificazione è incompleto

Martedì, 8 Settembre 2015
In una nota stampa Massimo Scalia, tra i personaggi di maggior rilievo dell'ambientalismo scientifico in Italia, torna a evidenziare i punti critici del DM sulla classificazione dei rifiuti radioattivi evidenziati dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulle scorie nucleari.

Nuovo nucleare, tempi e costi di Flamanville si dilatano ancora

Giovedì, 3 Settembre 2015
Redazione Qualenergia.it
Il nuovo EPR francese non entrerà in funzione prima del 2018, con 6 anni di ritardo e costerà più del triplo di quanto previsto, annuncia EDF. Non va meglio al cantiere dell'unico altro EPR europeo, a Olkiluoto, in Finlandia. Il nucleare si conferma la tecnologia con il più alto rischio di progetto. In Italia, almeno questo, l'abbiamo scampato.

Costi di generazione: solare ed eolico battono sempre più spesso le fossili

Mercoledì, 2 Settembre 2015
Redazione Qualenergia.it
L'ultima certificazione del sorpasso economico delle fonti pulite sulle fossili arriva da un nuovo report curato da IEA e NEA. Ad esempio il costo di un MWh da fotovoltaico in Cina è oggi di 55 dollari, mentre la stessa quantità di energia ottenuta da una nuova centrale a gas costa ben 90 dollari e da una a carbone è di 74 dollari.

Nucleare, il Giappone al bivio tra ritorno al passato ed Energiewende

Mercoledì, 12 Agosto 2015
Gianni Silvestrini
Nel Paese del Sol Levante si frena sulle energie rinnovabili e sta invece prevalendo l’enorme pressione delle società elettriche che vogliono a tutti i costi riavviare i propri impianti atomici. Ma sotto la pressione dell’opinione pubblica il Giappone potrebbe avviare una “Energiewende” analoga a quella tedesca, invece di essere costretto a inseguire i modelli energetici del passato.