Nucleare

Qualenergia.it: 1 milione di visitatori unici nel 2013!

Lunedì, 2 Dicembre 2013
Leonardo Berlen
Qualenergia.it il 1° dicembre ha raggiunto e superato 1 milione di visitatori unici nel 2013! Un dato molto significativo per la redazione, che vogliamo condividere con i nostri lettori e con le aziende che credono nella nostra testata. Nel 2014 al via nuovi progetti di informazione. Intanto è partita la collaborazione con Solarexpo-The Innovation Cloud 2014.

Usare la bici porta oltre 200 miliardi di benefici

Giovedì, 14 Novembre 2013
Redazione Qualenergia.it
Usare la bici in Europa sta generando oltre 200 miliardi di euro di benefici economici. Ogni euro investito per promuovere la mobilità a pedali ne rende 70. Lo mostra uno studio condotto dalla European Cyclists’ Federation.

Nuovo nucleare britannico: l'elettricità costerà il doppio

Martedì, 22 Ottobre 2013
Redazione Qualenergia.it
Raggiunto l'accordo tra Londra e EDF su Hinkley Point: l'elettricità prodotta dalla prima nuova centrale nucleare britannica, pronta nel 2023, verrà pagata non meno di 109 €/MWh, il doppio del suo valore di mercato. A coprire la differenza saranno i consumatori britannici. Un'altra prova che oggi il nucleare non serve ad abbassare le bollette.

Nuovo nucleare britannico, l'elettricità costerà il doppio del prezzo di mercato

Martedì, 22 Ottobre 2013
Redazione Qualenergia.it
Raggiunto l'accordo tra Londra e EDF su Hinkley Point: l'elettricità prodotta dalla prima nuova centrale nucleare britannica, pronta non prima del 2023, verrà pagata non meno di 109 euro/MWh, il doppio del suo valore di mercato. A coprire la differenza saranno i consumatori britannici.

Oettinger e la sospetta 'censura' sui sussidi a fossili e nucleare

Martedì, 22 Ottobre 2013
Redazione Qualenergia.it
Il commissario europeo all'Energia, Gunther Oettinger, avrebbe fatto cancellare da un documento della Commissione i dati sull'entità dei sussidi pubblici alle fonti fossili e al nucleare, molto superiori agli aiuti ricevuti dalle energie rinnovabili. A rivelarlo un documento riservato pubblicato dalla testata tedesca Sueddeutsche.

'Darwinismo energetico': crisi dell'energia fossile e centralizzata

Venerdì, 18 Ottobre 2013
Redazione Qualenergia.it
Rinnovabili e generazione distribuita sono destinate a mettere in crisi il modello energetico basato sulla generazione centralizzata da fossili o nucleare. Per le utility tradizionali la scelta sarà tra adattarsi cambiando oppure scomparire. Un report di Citigroup spiega quel che sta succedendo nel mondo della generazione elettrica.

Cala la produzione rinnovabile tedesca e salgono i prezzi elettrici europei

Martedì, 8 Ottobre 2013
In Europa i prezzi dell’elettricità a settembre salgono del 26%, mostrano i dati del Platts Continental Power Index. La colpa è nel calo della produzione da energie rinnovabili in Germania e di alcuni problemi del nucleare francese.

Sempre peggio a Fukushima, ma Tokyo ha i Giochi

Martedì, 10 Settembre 2013
Leonardo Berlen
Dopo due anni e mezzo dal disastro nucleare alla centrale di Fukushima la situazione non fa che peggiorare. Necessario pompare 100 tonnellate d’acqua al giorno, ma dove mettere l'acqua contaminata che si sta disperdendo in mare e nel terreno? Gli oltre 1000 serbatoi costruiti sono solo un tampone. Si prevedono decenni di ingenti investimenti.

Il governo svedese snobba il nucleare e punta alle rinnovabili

Giovedì, 8 Agosto 2013
La ministro svedese dell’energia ha annunciato che il governo non istituirà incentivi per nuovi impianti nucleari, preferendo incentivare le fonti rinnovabili. Al momento il mancato sostegno economico-finanziario governativo sembra scoraggiare ogni iniziativa delle società del nucleare.

Fossili e nucleare. Il rivale è sui tetti

Lunedì, 5 Agosto 2013
Un post di Mario Agostinelli su IlFattoQuotidiano.it spiega perché si sia ormai dentro ad una profonda transizione energetica che guarda ad una produzione decentralizzata e rinnovabile. "Un cambiamento che passerà dall’organizzazione sociale, dal minor consumo, dagli stili di vita, piuttosto che dai progressi, pur indispensabili, della tecnologia".

... Si è aperta una transizione energetica di portata storica e i nostri comportamenti, così come quelli degli amministratori, dei responsabili della politica industriale e dell’organizzazione dei servizi, possono radicalmente influenzare la rincorsa affannosa delle lobby energetiche a stabilizzare e perpetrare il sistema attuale.

L’opinione pubblica è male informata di quel che sta avvenendo da noi e nel mondo e vale la pena qui di riassumere alcuni tratti salienti del mutamento già in atto...