Fossili

Capacity payment, il salvagente degli elettrici europei

Lunedì, 11 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
La Commissione europea interroga gli stakeholder su mercato elettrico e capacity payment. Pagarla in base alla potenza messa a disposizione difenderebbe gli impianti termoelettrici più costosi dalla concorrenza delle rinnovabili. L'industria lo vuole, ma per i regolatori meglio prima potenziare le interconnessioni. In Italia partirà dal 2017.

A gennaio calano del 6,7% anche i consumi di gas

Venerdì, 8 Febbraio 2013
Ancora in calo i consumi di gas. In una nota di Anigas risulta che a gennaio 2013 il decremento è risultato pari al 6,7% rispetto a gennaio 2012 e arriva al 10,8% se raffrontato con lo stesso mese del 2011. Il settore termoelettrico segna un -13,6%. In calo anche i consumi nel settore domestico

Troppi sussidi alle fossili. E vento e sole più prevedibili delle politiche che li sostengono

Mercoledì, 6 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
Pagate con soldi pubblici per mandare in tilt il clima, le fonti fossili ricevono 100 $ per ogni tonnellata di CO2 che rilasciano. Aiuti di Stato per 523 miliardi di dollari contro gli 88 andati alle rinnovabili. E solo il 20% per aiutare i ceti deboli. Fatih Birol, capo economista della IEA, torna a denunciare i sussidi pubblici alle fossili. In Italia sono oltre 9 miliardi di euro all'anno.

La microcogenerazione a stormo e quel Totem dimenticato

Martedì, 5 Febbraio 2013
Giulio Meneghello
Nell'era della smart grid la microcogenerazione potrebbe giocare un ruolo nuovo: lo mostra il progetto 'Schwarmstrom' di Volkswagen e LichtBlick. Una sorta di centrale a gas virtuale e diffusa, con 100mila microimpianti casalinghi che producono assieme calore ed elettricità. Come il vecchio Totem Fiat, abbandonato a inizio anni '80.

La finanza, i grandi dell'energia fossile e l'allarme di HSBC: attenzione alla bolla della CO2

Lunedì, 4 Febbraio 2013
Giulio Meneghello
Un report della banca mette in guardia dagli investimenti in fonti sporche: se la comunità internazionale terrà fede all'impegno di fermare il riscaldamento globale entro i 2 °C, il valore delle azioni delle grandi coorporation delle fonti fossili crollerà del 40-60%. Per contenere il colpo meglio disinvestire subito dal settore dell'energia ad alte emissioni.

Il canto del cigno del carbone in Europa

Giovedì, 31 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Dal 2009 l'uso del carbone in Europa sta crescendo sensibilmente, ma sostenere che questa fonte stia vivendo una rinascita e abbia un futuro è un mito infondato. Si tratta piuttosto di una ripresa temporanea cui seguirà un inevitabile declino: quasi non si costruiscono nuove central le normative ambientali metteranno in crisi questa tecnologia.

QualEnergia.it ora anche su smartphone e tablet

Martedì, 22 Gennaio 2013
Scopri QualEnergia.it anche su iPhone, smartphone, iPad e tablet. Online una versione più adatta ai supporti mobili per essere sempre informati sui mercati e gli scenari dell'energia.
Immagine Banner: 

I 14 progetti sporchi che ci stanno portando al punto di non ritorno

Martedì, 22 Gennaio 2013
Nel mondo ci sono 14 progetti che, se realizzati, equivarrebbero quasi certamente alla sconfitta nella lotta ai cambiamenti climatici. La denuncia di Greenpeace nel rapporto “Point of no return”, con il quale l’associazione ambientalista illustra i pericoli causati dai maggiori progetti di sfruttamento delle fonti fossili a livello globale.

Quel regalo ai rigassificatori fatto coi soldi nostri

Lunedì, 14 Gennaio 2013
Alessandro Codegoni
Per rendere vantaggiosa la costruzione dei rigassificatori un “fattore di garanzia”, introdotto nel 2005 e sospeso solo a ottobre dopo che un'inchiesta UE, avrebbe consentito anche per opere inutilizzate guadagni sostanziosi e a spese dei consumatori. La solita “manina” misteriosa, che ritocca le leggi per dare una mano alle varie lobby.

Un progetto per i biocarburanti sostenibili in aviazione

Martedì, 8 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Il progetto europeo ITAKA (Initiative Towards sustAinable Kerosene for Aviation) punta a rimuovere le barriere tecniche ed economiche che ostacolano l’utilizzo di biocarburanti sostenibili per l’aviazione. Verrà portato avanti da un consorzio costituito da aziende aerospaziali e di combustibili e da centri di ricerca, anche italiani.