Fossili

QualEnergia.it ora anche su smartphone e tablet

Martedì, 22 Gennaio 2013
Scopri QualEnergia.it anche su iPhone, smartphone, iPad e tablet. Online una versione più adatta ai supporti mobili per essere sempre informati sui mercati e gli scenari dell'energia.
Immagine Banner: 

I 14 progetti sporchi che ci stanno portando al punto di non ritorno

Martedì, 22 Gennaio 2013
Nel mondo ci sono 14 progetti che, se realizzati, equivarrebbero quasi certamente alla sconfitta nella lotta ai cambiamenti climatici. La denuncia di Greenpeace nel rapporto “Point of no return”, con il quale l’associazione ambientalista illustra i pericoli causati dai maggiori progetti di sfruttamento delle fonti fossili a livello globale.

Quel regalo ai rigassificatori fatto coi soldi nostri

Lunedì, 14 Gennaio 2013
Alessandro Codegoni
Per rendere vantaggiosa la costruzione dei rigassificatori un “fattore di garanzia”, introdotto nel 2005 e sospeso solo a ottobre dopo che un'inchiesta UE, avrebbe consentito anche per opere inutilizzate guadagni sostanziosi e a spese dei consumatori. La solita “manina” misteriosa, che ritocca le leggi per dare una mano alle varie lobby.

Un progetto per i biocarburanti sostenibili in aviazione

Martedì, 8 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Il progetto europeo ITAKA (Initiative Towards sustAinable Kerosene for Aviation) punta a rimuovere le barriere tecniche ed economiche che ostacolano l’utilizzo di biocarburanti sostenibili per l’aviazione. Verrà portato avanti da un consorzio costituito da aziende aerospaziali e di combustibili e da centri di ricerca, anche italiani.

Tutto per Enel il 'regalo' alle centrali a olio combustibile

Martedì, 8 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Circa 250 milioni di euro dalle bollette degli italiani per rendere solo disponibili dal 1° gennaio al 31 marzo 2013, e con un preavviso di 48 ore, la produzione di vecchie e inquinanti centrali a olio combustibile. Obiettivo è fronteggiare un'eventuale emergenza gas. Dall'elenco dell'Autorità risulta che il 'monopolista' di questi impianti è Enel.

Per uscire dalla crisi il Pil deve essere verde

Lunedì, 31 Dicembre 2012
Gianni Silvestrini
Il Pil del nostro paese è in calo e forse non tornerà ai valori pre-crisi del 2007 prima del 2020. Ma uscire dalla crisi presuppone un'accelerazione delle politiche industriali verdi e un riorientamento dello sviluppo dell'economia in tutti i settori. L'editoriale di Gianni Silvestrini pubblicato nell'ultimo numero della rivista bimestrale QualEnergia.

Rinnovabili, prezzi futuri del gas e paradossi energetici

Venerdì, 28 Dicembre 2012
G.B. Zorzoli
Il mercato elettrico sarà dominato da gas e rinnovabili, ma con non poche incertezze. In uno scenario con prezzi del gas in diminuzione, il paradosso è che, anche con l'aumento del numero degli impianti rinnovabili, questi potrebbero essere meno competitivi, perché renderebbero il gas sempre più a buon mercato. Un articolo di G.B. Zorzoli.

Rapporto IEA, rassicurante sugli idrocarburi ma non sul clima

Venerdì, 21 Dicembre 2012
Redazione Qualenergia.it
La scorsa settimana è stata presentata in Italia l'ultima edizione del World Energy Outlook della IEA. L'offerta di petrolio non convenzionale e di gas, secondo l'Agenzia, potrà coprire la domanda crescente. Ma che impatto avrà bruciare questi idrocarburi sulla crescita delle emissioni di CO2? L’opinione di Gianni Silvestrini a Ecoradio.

La IEA vede il futuro nero ... carbone

Venerdì, 21 Dicembre 2012
Redazione Qualenergia.it
L'ultimo "Medium-Term Coal Market Report" della International Energy Agency prevede una crescita continua del carbone nel mix energetico mondiale per i prossimi 5 anni. Al 2017 potrebbe diventare la fonte più importante. Uno scenario insostenibile che ci porterebbe a circa 3,6 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 in più.

Petrolio, sentenza storica in Nigeria: chi ha inquinato paghi

Giovedì, 20 Dicembre 2012
È una sentenza rivoluzionaria quella emessa il 16 dicembre da sei giudici della Corte di giustizia della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale: per la prima volta un Governo e delle aziende sono chiamati a rendere conto dell’inquinamento e per aver violato i diritti umani degli abitanti del delta del Niger.