Fossili

Trivelle, Greenpeace Italia, Legambiente e WWF scrivono a Governo e Regioni

Venerdì, 24 Febbraio 2017
Le tre associazioni ambientaliste chiedono conto al Governo delle politiche sulle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi e invitano che le Regioni avevano promosso il referendum di aprile, a confermare l’impegno sul tema della difesa dei mari italiani.

UE, consumi di energia ai livelli del '90 e fossili sempre più d'importazione

Martedì, 21 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Il consumo di energia dell'Europa dopo la crisi si attesta ora sui livelli del 1990, emerge dalle nuove statistiche pubblicate da Eurostat. In 15 anni è scesa la quota di energia da fossili, mentre si dipende molto di più all'estero per gas, petrolio e carbone. Campionessa di decarbonizzazione la Danimarca.

Il petrolio e il gas russi ai tempi di Trump e del global warming

Martedì, 21 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Il comparto dell'energia russo è ancora fortemente centrato sulle fonti fossili e sembra vedere nell'America di Donald Trump un'occasione per una maggiore collaborazione internazionale, volta più che altro a mantenere la tranquillità sul mercato del petrolio. Un'intervista all'ex ministro dell'energia russo, Igor Yusufov.

Il super-ciclo delle fossili è finito: il “picco” della domanda si avvicina

Lunedì, 20 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Ecco come l’innovazione tecnologica in campo energetico ha già iniziato a trasformare il modo di produrre e consumare le nostre risorse. Il boom delle materie prime nel 2003-2015 è stato seguito dal crollo dei prezzi. Efficienza e rinnovabili al centro del cambiamento.

Germania, le strategie delle utility contro la generazione distribuita

Lunedì, 20 Febbraio 2017
Luca Re
La transizione energetica tedesca nell’analisi del Wuppertal Institute: il modello centralizzato delle grandi compagnie si scontra con l’innovazione tecnologica delle fonti pulite. Reti municipali e comunità 100% rinnovabili sono il cambiamento, ma le utility usano diverse strategie per mantenere il controllo.

L’UE approva il libero scambio con il Canada. Arriverà più petrolio “sporco”?

Mercoledì, 15 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Spenti i riflettori sul TTIP con gli Usa, l’Europarlamento dice “sì” al trattato commerciale CETA con il Canada. Prevista l’abolizione di moltissime tariffe doganali per facilitare l’import-export. In campo energetico il rischio maggiore è la vendita di greggio da sabbie bituminose.

PUN, a gennaio è record e il termoelettrico se ne giova

Mercoledì, 15 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
A gennaio il prezzo dell'elettricità è arrivato oltre i 72 €/MWh, il 28% in più rispetto a dicembre e il 55% su gennaio dell'anno scorso. Per effetto del freddo e del fermo nucleare francese crollano le importazioni e crescono le vendite nazionali, a beneficio soprattutto delle centrali alimentate a gas.

SEN, la visione di Assoelettrica tra fonti convenzionali e rinnovabili

Martedì, 14 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
In audizione al MiSE, l'associazione dei produttori elettrici ha esposto le sue proposte per la SEN. Tra gli appelli per il capacity market, l'elettrificazione dei consumi e le aste sul lungo termine per le rinnovabili, Assoelettrica prova a far coesistere gli interessi delle fonti “vecchie” con quelli delle "nuove".

L’Europa deve abbandonare il carbone molto prima del previsto

Lunedì, 13 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Nuove stime sull’uscita dalla fonte fossile più inquinante: necessario il quasi azzeramento entro il 2030, altrimenti sarà impossibile rispettare gli obiettivi di Parigi. Nel mirino i grandi impianti termoelettrici a carbone-lignite in Germania e Polonia, ma anche le centrali italiane, inglesi e di altri paesi europei.

Consumi gas 2016 in Italia: +5%. Un terzo della richiesta è per le centrali

Lunedì, 13 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
I consumi di gas naturale nel 2016 sono stati pari a 70,9 miliardi di metri cubi, con una crescita del 5% sul 2015 e addirittura del 14,5% sul 2014. L'import cresce del 6,7% con un notevolissimo apporto del gas algerino. Il termoelettrico al 32,9% del fabbisogno. Crollo della produzione nazionale.