Fossili

Quello che il nuovo governo potrebbe fare su energia e ambiente

Venerdì, 25 Maggio 2018
Gianni Silvestrini
Nel “Contratto di governo” le tematiche energetico-ambientali sono state trattate in modo generico e deludente. Restano da assolvere obiettivi di breve e lungo periodo in settori nevralgici che dovranno coinvolgere molti dicasteri. E poi gli impegni internazionali. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Petrolio, il nuovo rincaro dei prezzi di un mercato sempre più volatile

Giovedì, 24 Maggio 2018
Ugo Bardi
Il mercato è ormai instabile e fuori controllo per il progressivo esaurimento delle risorse a bassi costi di estrazione. Il Brent quasi a 80 $ è un tentativo di riuscire a coprire questi costi per il petrolio non convenzionale. Gli effetti negativi per l'Italia di un'ulteriore impennata dei prezzi.

Aste CO2, novità dal GSE

Lunedì, 14 Maggio 2018
Il GSE ha aggiornato il Contatore Aste CO2 con una veste grafica innovativa e secondo criteri di dinamicità, interattività e usabilità a beneficio dell'utente e ha comunicatoo che le sessioni per l'aviazione ripartiranno dal 23 maggio 2018.

L’energia in Parlamento questa settimana: 14-20 maggio 2018

Lunedì, 14 Maggio 2018
Il calendario settimanale dei lavori parlamentari che riguardano energia, rinnovabili, efficienza energetica, edilizia, mobilità sostenibile e tutte le tematiche che interessano gli abbonati a QualEnergia.it PRO.

Ecco il calendario dei lavori parlamentari della settimana da lunedì 14 a domenica 20 maggio 2018 che riguardano energia, rinnovabili, efficienza energetica, edilizia, mobilità sostenibile e tutte le tematiche che interessano gli abbonati a QualEnergia.it PRO. In allegato in basso il calendario completo con tutti gli appuntamenti di Camere, commissioni e Governo.

Aggiornato al 14 maggio ore 12, potrebbe subire variazioni.

Cosa devono fare le banche contro i rischi ambientali: le linee guida ONU

Giovedì, 10 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Sedici tra i maggiori istituti di credito a livello mondiale hanno contribuito a elaborare una metodologia per incorporare il cambiamento climatico nelle strategie di business. I risultati del lavoro svolto nell’ambito del programma UNEP FI.

L’inquinamento causa nel mondo 7 milioni di morti all’anno. Il 90% nei paesi più poveri

Mercoledì, 2 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Secondo gli ultimi dati OMS l’inquinamento ambientale nelle città ha provocato circa 4,2 milioni di morti premature nel 2016, e quello domestico dovuto alla cottura con combustibili e tecnologie inquinanti circa 3,8 milioni di morti nello stesso anno.

L’evoluzione della domanda elettrica in Italia spiegata in quattro grafici

Venerdì, 27 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
La crescita dei consumi elettrici dipenderà molto dalla “spinta” verso le tecnologie a zero emissioni nei trasporti e nel riscaldamento degli edifici. Tutti i dati e le proiezioni a livello italiano per il 2030-2040, dall’ultimo rapporto mensile di Terna sul sistema energetico.

Come quadruplicare il prezzo della CO2 per chiudere i conti col carbone

Giovedì, 26 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
Un nuovo studio di Carbon Tracker spiega perché la prossima riforma del mercato EU-ETS non basterà ad allineare la politica europea agli accordi di Parigi sul clima. Il costo della tonnellata di anidride carbonica dovrà salire a 45-55 € nel 2030, circa quattro volte il valore odierno.

Sen e nuovo governo, decreto rinnovabili e mercato elettrico: la visione di Elettricità Futura

Martedì, 24 Aprile 2018
Giulio Meneghello
In questo frangente di incertezza politica, la preoccupazione maggiore dell'associazione sembra essere quella che non si fermino i lavori avviati, a partire dall'implementazione del capacity market. L'evoluzione del mercato elettrico secondo il presidente di EF, Simone Mori, intervistato da QualEnergia.it.

Perché le utility sono sempre più minacciate dal rischio idrico

Martedì, 24 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
Nuovi dati del World Resources Institute mostrano che il 47% della capacità di generazione termoelettrica convenzionale si trova in aree affette da stress idrico causati da diversi motivi: siccità, competizione per gli usi dell’acqua, terreni aridi. Qualche osservazione sul "water risk", con un occhio puntato anche sull’Italia.