Energia

Ci metto le esternalità e le rinnovabili costano già meno delle fossili

Giovedì, 19 Settembre 2013
Giulio Meneghello
Se produrre elettricità da carbone oggi costa meno che ottenerla da rinnovabili è solo perché le esternalità negative vengono scaricate sulla collettività. Se si includessero nei costi del kWh anche gli impatti ambientali e sanitari di ogni fonte, ad esempio, eolico e FV sarebbero già molto più convenienti. Studio della University of Cambridge.

Le rinnovabili ormai adulte nello scontro con le fossili al tempo della crisi

Martedì, 17 Settembre 2013
Giulio Meneghello
Dopo il boom delle rinnovabili degli anni scorsi, bisogna riuscire a far continuare la crescita delle fonti pulite con il miglior rapporto costo-benefici possibile e infine c'è da risolvere il conflitto con le fonti tradizionali che avviene in un contesto di forte overcapacity. Ne abbiamo parlato Andrea Gilardoni, presidente dell'OIR.

Industria e caro-energia: il potenziale non colto dal recupero di calore e dalle biomasse

Lunedì, 16 Settembre 2013
Redazione Qualenergia.it
Rinnovabili ed efficienza contro il caro-energia che mina la competitività delle aziende italiane. Secondo uno studio OIR, recupero di calore e cogenerazione da biomasse, applicati a 6 settori - dalla siderurgia all'agroalimentare - oltre a tagliare nettamente la bolletta delle industrie, potrebbero portare oltre 8 miliardi di euro di benefici netti al Paese entro il 2030.

Clima, energia e crisi: la posta in gioco sull'obiettivo Ue 2030

Venerdì, 13 Settembre 2013
Mauro Albrizio e Francesco Ferrante
Per il 2030 un solo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas-serra non è sufficiente. Fissare target anche per rinnovabili ed efficienza energetica è indispensabile per rendere sostenibile il sistema energetico, ma anche per aiutarci a uscire dalla crisi. Un intervento di Mauro Albrizio, Direttore Ufficio europeo Legambiente e Francesco Ferrante, Vicepresidente Kyoto Club

Aziende elettriche, oggi avversarie delle rinnovabili e dell'efficienza. Domani?

Giovedì, 12 Settembre 2013
Gianni Silvestrini
Le rinnovabili hanno eroso parte del mercato dei settori energetici convenzionali. Al momento prevale l’attacco alle rinnovabili e la preoccupazione delle società energetiche per gli obiettivi sull’efficienza. Ma potremmo assistere presto ad un ribaltamento delle strategie degli attori storici, ad un cambio del loro modello di business. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Storage in batterie, se per l'eolico convenisse fermare le pale?

Giovedì, 12 Settembre 2013
Redazione Qualenergia.it
Vale sempre la pena accumulare l'energia delle rinnovabili non programmabili? Uno studio della Stanford University risponde di no: dal punto di vista energetico ha senso solo per fonti relativamente costose, come il fotovoltaico, mentre non ne avrebbe per tecnologie con costo energetico inferiore, come l'eolico.

Provvedimenti contraddittori per ridurre la bolletta

Mercoledì, 11 Settembre 2013
Giulio Meneghello
La misura per spalmare nel tempo il prelievo per l'A3 in arrivo con il decreto Fare-bis, almeno nel'immediato, ridurrà la bolletta; ma finora le mosse per ridurre il caro energia - tra prelievi per coprire la cancellazione dell'Imu, sconti agli energivori e occasioni di risparmio non colte - non hanno portato a grandi risultati, soprattutto per famiglie e PMI.

Il nuovo capacity payment, ecco lo schema approvato dall'Autorità

Martedì, 10 Settembre 2013
L'Autorità per l'energia ha approvato lo schema di disciplina per far nascere un mercato della capacità che garantisca una disponibilità di capacità produttiva di energia elettrica nel lungo periodo in modo da far fronte all'evoluzione dei consumi, evitando criticità in termini di sicurezza e 'assicurando' i clienti finali dal rischio-prezzi.

Bollette elettriche, consumatori più garantiti contro distacchi ingiustificati

Martedì, 10 Settembre 2013
Redazione Qualenergia.it
Dal primo settembre scorso ci sono maggiori garanzie su tempi certi e tempestiva informazione in caso di bollette non pagate alla scadenza. Obiettivo delle nuove regole varate dall'Autorità per l'energia, evitare sospensioni della fornitura per morosità senza che il cliente abbia la possibilità di mettersi in regola.

Aziende e ricerca insieme per rilanciare le rinnovabili

Lunedì, 9 Settembre 2013
Alessandro Castiello D'Antonio
In Italia solo il 5% delle PMI e il 30% delle grandi aziende cooperano con università e istituti di ricerca pubblici; in Finlandia si è rispettivamente al 26% e al 67,7%. Una più stretta collaborazione fra istituzioni pubbliche, imprese e università in materia di energia rinnovabile aumenterebbe l'occupazione, soprattutto giovanile e al Sud.