Clima

Lo smog cinese che preoccupa il Giappone

Lunedì, 18 Febbraio 2013
Il Giappone ha chiesto alle autorità cinesi di organizzare un vertice in cui dibattere delle soluzioni da mettere in campo per evitare che lo smog proveniente dalla Repubblica popolare cinese sconfini.

Il Giappone ha chiesto alle autorità cinesi di organizzare un vertice in cui dibattere delle soluzioni da mettere in campo per evitare che lo smog proveniente dalla Repubblica popolare cinese sconfini. Nei giorni scorsi, come riporta France Presse, una nuvola smog proveniente dalla Cina ha raggiunto il Giappone determinando il superamento dei limiti di qualità dell'aria.

Quale futuro e revisione per il mercato del carbonio europeo

Venerdì, 15 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
Come dovrà essere riformato il sistema europeo per lo scambio delle quote di emissione, conosciuto come Emissions Trading System? Come incidere sull'offerta delle quote alla luce di un prezzo della CO2 da tempo ormai irrilevante? A Roma un confronto in un workshop organizzato da Kyoto Club, in collaborazione con il GSE.

L’Italia centra Kyoto: emissioni di gas serra a -7%

Venerdì, 15 Febbraio 2013
L’Italia ha più che centrato il target nazionale per Kyoto, merito della crisi, ma anche di politiche per promuovere efficienza e rinnovabili. Anche a livello internazionale l'obiettivo per i paesi impegnati è stato raggiunto, ma, con la crescita dei paesi emergenti le emissioni sono cresciute del 35% e si va verso un aumento di 4°C. Occorre guardare oltre.

La strada per un'Europa 100% a rinnovabili

Giovedì, 14 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
L'Europa entro il 2050 può arrivare al 100% di rinnovabili ma deve muoversi ora. Il WWF mostra come ridurre al 2030 i consumi energetici di oltre un terzo e generare quasi la metà della richiesta di energia da fonti pulite. Obiettivi quasi doppi rispetto a quelli della Roadmap 2050 della Commissione Europea.

Cambiamenti climatici, anche una questione morale

Mercoledì, 13 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
Cambiamenti climatici e conseguenze sulle future generazioni e sui più poveri. Per agire concretamente è più che mai urgente una pressione dal basso e quindi anche le religioni potranno avere un ruolo determinante in questo processo di consapevolezza e di azione planetaria. L'opinione di Gianni Silvestrini a Ecoradio.

Nasce il Consiglio nazionale della Green Economy

Martedì, 12 Febbraio 2013
Costituito il Consiglio nazionale della green economy, formato da 53 organizzazioni di imprese che svolgono attività legate alla green economy.

Non disperdere quanto di buono costruito con gli "Stati generali della Green Economy" tenutisi il 7 e 8 novembre 2012 durante "Ecomondo" a Rimini. Questo lo scopo della costituzione in questi giorni del Consiglio nazionale della Green Economy.

Troppi sussidi alle fossili. E vento e sole più prevedibili delle politiche che li sostengono

Mercoledì, 6 Febbraio 2013
Redazione Qualenergia.it
Pagate con soldi pubblici per mandare in tilt il clima, le fonti fossili ricevono 100 $ per ogni tonnellata di CO2 che rilasciano. Aiuti di Stato per 523 miliardi di dollari contro gli 88 andati alle rinnovabili. E solo il 20% per aiutare i ceti deboli. Fatih Birol, capo economista della IEA, torna a denunciare i sussidi pubblici alle fossili. In Italia sono oltre 9 miliardi di euro all'anno.

La finanza, i grandi dell'energia fossile e l'allarme di HSBC: attenzione alla bolla della CO2

Lunedì, 4 Febbraio 2013
Giulio Meneghello
Un report della banca mette in guardia dagli investimenti in fonti sporche: se la comunità internazionale terrà fede all'impegno di fermare il riscaldamento globale entro i 2 °C, il valore delle azioni delle grandi coorporation delle fonti fossili crollerà del 40-60%. Per contenere il colpo meglio disinvestire subito dal settore dell'energia ad alte emissioni.

Quando la parola d'ordine è 'disinvestiamo nel fossile'

Mercoledì, 30 Gennaio 2013
Gianni Silvestrini
Nasce negli Usa una rivolta contro le compagnie delle fonti fossili. Un movimento dal basso che chiede di vendere le azioni di società del settore dei combustibili fossili o semplicemente di non investirvi. Anche le mobilitazioni contro l’oleodotto Keystone testimoniano che il cambiamento climatico è il tema. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Rinnovabili, come le politiche di Obama iniziano a delinearsi

Lunedì, 28 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Dopo un discorso che dà speranza, si inizia a delineare la strategia del presidente Usa sull'energia pulita. La parola d'ordine è creare un campo da gioco livellato agendo tramite la fiscalità. Investimenti mirati in aree chiave e avanti con il Clean Energy Standard. Mentre i democratici propongono un piano “senza Congresso”.