Clima

La finanza, i grandi dell'energia fossile e l'allarme di HSBC: attenzione alla bolla della CO2

Lunedì, 4 Febbraio 2013
Giulio Meneghello
Un report della banca mette in guardia dagli investimenti in fonti sporche: se la comunità internazionale terrà fede all'impegno di fermare il riscaldamento globale entro i 2 °C, il valore delle azioni delle grandi coorporation delle fonti fossili crollerà del 40-60%. Per contenere il colpo meglio disinvestire subito dal settore dell'energia ad alte emissioni.

Quando la parola d'ordine è 'disinvestiamo nel fossile'

Mercoledì, 30 Gennaio 2013
Gianni Silvestrini
Nasce negli Usa una rivolta contro le compagnie delle fonti fossili. Un movimento dal basso che chiede di vendere le azioni di società del settore dei combustibili fossili o semplicemente di non investirvi. Anche le mobilitazioni contro l’oleodotto Keystone testimoniano che il cambiamento climatico è il tema. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Rinnovabili, come le politiche di Obama iniziano a delinearsi

Lunedì, 28 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Dopo un discorso che dà speranza, si inizia a delineare la strategia del presidente Usa sull'energia pulita. La parola d'ordine è creare un campo da gioco livellato agendo tramite la fiscalità. Investimenti mirati in aree chiave e avanti con il Clean Energy Standard. Mentre i democratici propongono un piano “senza Congresso”.

Aria inquinata, ma non è nell'agenda della politica

Lunedì, 28 Gennaio 2013
Un video documento di RaiNews 24 per la rubrica "Scenari" spiega quanto sia trascurato il problema dell'aria inquinata e contaminata. Nell'anno dell'aria per l'Unione Europea si continua a sottovalutare un danno che solo in Italia genera almeno 12mila vittime all'anno. Un problema locale e globale escluso dai costi industriali.

Rinnovabili, la leadership cinese e gli impegni di Europa e Usa

Venerdì, 25 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Alcuni fatti sembrano delineare un contesto positivo per le fonti rinnovabili a livello mondiale. Rinnovabili che si apprestano a consolidare la propria presenza nel sistema energetico grazie anche al calo dei prezzi e a fonti convenzionali con prezzi tendenti al rialzo. L'opinione di Gianni Silvestrini a Ecoradio. Ascolta il podcast.

Nel 2012 sono 597 i Comuni che hanno elaborato un Piano di Azione per l'Energia Sostenibile

Giovedì, 24 Gennaio 2013
Il Paes è il principale strumento a disposizione delle amministrazioni locali per ridurre i consumi energetici e promuovere le energie rinnovabili. Dopo la prima edizione del 2011, torna anche quest'anno il premio A+COM, promosso da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club, per valorizzare i lavori migliori. C'è tempo fino all'8 marzo per partecipare.

Rinnovabili, prodotti assicurativi contro l'instabilità delle politiche

Giovedì, 24 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Per spingere gli investimenti in rinnovabili servono strumenti assicurativi adeguati che tutelino gli investitori dai rischi, primo fra tutti quello dell'instabilità normativa. In questo modo si abbasserebbe il costo del capitale attraendo finanziatori. La conclusione di un trittico di studi appena pubblicati da Climate Policy Initiative.

QualEnergia.it ora anche su smartphone e tablet

Martedì, 22 Gennaio 2013
Scopri QualEnergia.it anche su iPhone, smartphone, iPad e tablet. Online una versione più adatta ai supporti mobili per essere sempre informati sui mercati e gli scenari dell'energia.
Immagine Banner: 

Fermare il global warming? Costa meno dei danni di Sandy

Martedì, 22 Gennaio 2013
Redazione Qualenergia.it
Basterebbero investimenti pubblici aggiuntivi per 36 miliardi di dollari all'anno per innescare investimenti privati sufficienti per contenere entro la soglia critica dei 2 °C il riscaldamento globale. “I costi aggiuntivi necessari per rendere ecologica la crescita sono insignificanti a confronto con quelli del non agire”, spiega un report del WEF.

I 14 progetti sporchi che ci stanno portando al punto di non ritorno

Martedì, 22 Gennaio 2013
Nel mondo ci sono 14 progetti che, se realizzati, equivarrebbero quasi certamente alla sconfitta nella lotta ai cambiamenti climatici. La denuncia di Greenpeace nel rapporto “Point of no return”, con il quale l’associazione ambientalista illustra i pericoli causati dai maggiori progetti di sfruttamento delle fonti fossili a livello globale.