Clima

Inquinamento nelle città italiane: la fotografia di Legambiente

Giovedì, 2 Febbraio 2017
Il rapporto Mal'aria di città di Legambiente analizza l’inquinamento atmosferico e acustico nelle città italiane e fa una lista delle situazioni più critiche, tra cui Frosinone, Pavia, Vicenza, Milano e Torino. Il documento e le proposte dell'associazione per una strategia nazionale.

Città soffocate e avvolte dallo smog. Anche il 2015 per l’aria respirata nei centri urbani è stato un anno da “codice rosso”, segnato da un’emergenza smog sempre più cronica.

“Second Report on the State of the Energy Union”, la decarbonizzazione poco ambiziosa dell'UE

Mercoledì, 1 Febbraio 2017
Redazione QualEnergia.it
Il nuovo rapporto pubblicato oggi mostra i progressi fatti su rinnovabili, efficienza energetica ed emissioni, ma non tiene conto di quanto bisognerebbe fare per rispettare l'impegno preso a Parigi. Italia in ritardo sull'obiettivo interconnessione e con prezzi elettrici ancora sopra la media UE.

Il clima in Europa: gli impatti su ecosistemi, economia e salute

Giovedì, 26 Gennaio 2017
Agenzia Europea dell'Ambiente (AEA)
Secondo il report dell’Agenzia Europea dell’Ambiente a causa dei cambiamenti climatici, le regioni europee dovranno affrontare l’innalzamento del livello del mare ed eventi meteorologici sempre più estremi. Dal 1980 le perdite economiche sono stimate in oltre 400 miliardi di euro.

L’America del petrolio e l’America delle rinnovabili: vincerà solo Trump?

Mercoledì, 25 Gennaio 2017
Redazione QualEnergia.it
Donald Trump, appena insediato alla Casa Bianca, ha iniziato a rivedere le politiche salva-clima e pro rinnovabili di Obama. Via libera all’oleodotto Keystone XL e minori restrizioni ambientali all’orizzonte. Ma molti sono convinti che eolico e fotovoltaico continueranno la loro corsa.

FREE: “Una strategia energetico climatica per l'Italia”

Mercoledì, 25 Gennaio 2017
In un nuovo documento presentato oggi, il Coordinamento Free, Fonti rinnovabili ed efficienza energetica, chiede che si avvii un processo partecipativo per avere una SEN che tracci percorsi di decarbonizzazione in grado di modernizzare l’economia.

Cambiamenti climatici, impatti su comunità locali e rinnovabili

Lunedì, 23 Gennaio 2017
Eugenio Barchiesi
Alla presentazione del progetto "Compose" si è parlato di sensibilizzazione delle comunità rurali e locali agli effetti del riscaldamento climatico, del ruolo delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Temi affrontati nell'occasione anche dalla climatologa Lučka Kajfež Bogataj che ritirò il premio Nobel per l’IPCC nel 2007.

Le strategie climatiche di lungo periodo e l’approssimazione italiana

Venerdì, 20 Gennaio 2017
Gianni Silvestrini
Predisporre strategie energetico-climatiche al 2050 significa per un paese avere obiettivi e percorsi chiari da attuare con specifiche politiche. Alcuni paesi europei si sono mossi in questa direzione, mentre in Italia prevalgono ancora posizioni esitanti e confuse, se non perfino contraddittorie. L’editoriale di Gianni Silvestrini.

Colpo di coda "verde" per Obama: 500 milioni al Green Climate Fund

Mercoledì, 18 Gennaio 2017
Redazione QualEnergia.it
Il presidente statunitense uscente ha destinato una nuova tranche di finanziamenti al fondo internazionale ONU che sostiene la transizione energetica nei paesi emergenti. Resta però un buco di due miliardi di dollari sui tre previsti da parte americana: Donald Trump garantirà quei soldi o chiuderà il rubinetto?

Spostare gli investimenti dalle fonti fossili alle rinnovabili

Giovedì, 12 Gennaio 2017
Daniela Patrucco
Partendo dal rapporto di Oil Change International, intitolato “The Sky’s Limit", si mette in relazione il rapporto tra obiettivi di riduzione dei gas serra e produzione ed uso dell’energia. Attraverso un graduale e ben governato processo andrà chiusa necessariamente l'epoca dello sfruttamento delle fonti fossili.

Stato della transizione a inizio 2017: bolla della CO2 più vicina che mai

Mercoledì, 11 Gennaio 2017
Jeremy Leggett
La transizione energetica globale è sempre più veloce e probabilmente irreversibile. L’ostinazione di molte compagnie a investire in carburanti fossili aumenta il rischio di stranded asset, infrastrutture obsolete che non saranno in grado di ripagare il denaro speso. Un articolo di Jeremy Leggett.