Clima

Corso di giornalismo ambientale 'Laura Conti', ultimi giorni per iscriversi

Giovedì, 12 Giugno 2014
Scade il 4 luglio il termine per iscriversi alla XIV edizione del corso di giornalismo ambientale 'Laura Conti', organizzato da Editoriale La Nuova Ecologia in collaborazione con Legambiente e in partenariato con l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia.

Sicurezza gas (problema stagionale) e clima (problema epocale)

Martedì, 10 Giugno 2014
Karl-Ludwig Schibel
Le tensioni tra Russia e Ucraina, e quindi tra Russia e Occidente, avranno ripercussioni sulle forniture di gas all'Europa? Il metano russo soddisfa un terzo del fabbisogno tedesco e il 40% di quello italiano, ma per Karl-Ludwig Schibel il vero problema è la crisi climatica mostrata dall'ultimo report Ipcc. Il suo articolo pubblicato sulla rivista Qualenergia.

99,8658%. Il clima sulla stampa italiana

Venerdì, 6 Giugno 2014
Sergio Ferraris
Il clima sulla stampa italiana è sempre un inquilino scomodo. Regolarmente, sotto traccia, se va bene e se va male si prova non più a negarlo come gli anni passati, ma a smussarlo per depotenziarne gli effetti mediatici. Un articolo di Sergio Ferraris pubblicato nella rubrica "Comunicare l'energia" della n.2/2014 della rivista bimestrale Qualenergia.

IEA: gli investimenti in energia pulita crescono ma non a sufficienza

Giovedì, 5 Giugno 2014
Redazione Qualenergia.it
Nuovo report dell'Agenzia Internazionale per l'Energia: gli investimenti in rinnovabili ed efficienza energetica sono cresciuti e continueranno a crescere, ma non abbastanza per evitare il disastro climatico. Nel settore elettrico in ogni caso le rinnovabili faranno la parte del leone con 7.000 miliardi di investimenti su 10.000 previsti nel periodo 2014-2035.

Greenpeace: il G7 non sacrifichi la sicurezza dell'Europa a vantaggio dei giganti energetici

Mercoledì, 4 Giugno 2014
Greenpeace chiede ai leader delle nazioni più industrializzate del mondo, riunite nel G7 di Bruxelles dal pomeriggio del 4 giugno, di non sacrificare la sicurezza energetica dell’Europa e il clima in favore degli interessi dell’industria fossile. Riportiamo il comunicato stampa dell'organizzazione ambientalista.

Clima, forti segnali di cambiamento da Usa e Cina

Mercoledì, 4 Giugno 2014
Gianni Silvestrini
Obama presenta la più drastica proposta sulla riduzione delle emissioni mai avanzata negli Stati Uniti, nonostante gli attuali rapporti di forza e la forte lobby del carbone. La Cina annuncia che introdurrà un obiettivo di riduzione dell'intensità di carbonio e un tetto assoluto alle emissioni. Una spinta decisiva per un accordo sul clima a Parigi 2015?

Piano Obama sulle emissioni: quanto farà realmente?

Martedì, 3 Giugno 2014
Redazione Qualenergia.it
Meno 30% al 2030 sui livelli del 2005: il taglio delle emissioni del sistema elettrico annunciato ieri dal presidente Usa è una decisione storica per le politiche americane sul clima e avrà forse ricadute positive anche sui negoziati internazionali di Parigi nel 2015. Ma nella realtà fa meno di quello che sembra e punta a meno di quello che servirebbe.

Global warming: Big Oil sta scommettendo migliaia di miliardi che perderemo la sfida

Mercoledì, 28 Maggio 2014
Redazione Qualenergia.it
Se si vuole evitare il disastro climatico, gran parte delle riserve fossili dovranno essere lasciate sotto terra, con relativo danno economico per le compagnie del settore. Che però negano il rischio, confidando nella crescita della domanda e nel fallimento delle politiche per tagliare la CO2. Secondo qualche analista un errore che costerà loro caro.

Europa, rinnovabili e obiettivi 2030: cambiare o difendere l’esistente?

Venerdì, 23 Maggio 2014
Gianni Silvestrini
Cambierà la posizione su ambiente, energia e clima del prossimo Parlamento Europeo e della nuova Commissione? Probabilmente sarà diversa rispetto all’attuale, rischiando di essere meno incisiva, anche se occorrerà vedere quali saranno i futuri equilibri e quale forza e posizioni avranno i nuovi entranti. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Cina, nuova spinta verso le rinnovabili: 70 GW di FV al 2017

Martedì, 20 Maggio 2014
Redazione Qualenergia.it
Pechino punta a realizzare 70 GW di potenza installata da fotovoltaico entro il 2017, 150 GW da eolico 11 GW da biomasse e 330 GW da idroelettrico. Le analisi delle politiche in atto mostrano che il gigante asiatico, primo emettitore mondiale di gas serra, è sulla buona strada affinché i suoi consumi di carbone inizino a calare entro il 2020.