Clima

Cosa devono fare le banche contro i rischi ambientali: le linee guida ONU

Giovedì, 10 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Sedici tra i maggiori istituti di credito a livello mondiale hanno contribuito a elaborare una metodologia per incorporare il cambiamento climatico nelle strategie di business. I risultati del lavoro svolto nell’ambito del programma UNEP FI.

Nel nuovo bilancio Ue più spese il clima. Ma non tutto è “verde” come sembra

Giovedì, 3 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Bruxelles ha proposto di destinare il 25% del budget 2021-2027 a progetti che dovranno contribuire a raggiungere gli obiettivi climatici delle politiche comunitarie, per un totale di 320 mld di €. Tuttavia l’Ue, evidenziano diverse associazioni, continuerà a finanziare opere fossili di dubbia utilità e con elevati impatti ambientali.

Emissioni marittime: in Italia e nel Mediterraneo siamo in grave ritardo

Giovedì, 3 Maggio 2018
Daniela Patrucco
L’IMO punta ad riduzione del 50% delle emissioni marittime globali entro il 2050, ma i paesi del Mediterraneo dimostrano scarso impegno. Necessario agire sul fronte della navigazione e su quello dei porti. La coalizione ambientalista chiede la creazione di un’area a basse emissioni.

L’inquinamento causa nel mondo 7 milioni di morti all’anno. Il 90% nei paesi più poveri

Mercoledì, 2 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Secondo gli ultimi dati OMS l’inquinamento ambientale nelle città ha provocato circa 4,2 milioni di morti premature nel 2016, e quello domestico dovuto alla cottura con combustibili e tecnologie inquinanti circa 3,8 milioni di morti nello stesso anno.

Germania ok per le rinnovabili, ma in ritardo sul taglio delle emissioni

Venerdì, 27 Aprile 2018
Gianni Silvestrini
Se i risultati ottenuti dalla Germania nella transizione energetica sul versante elettrico sono importanti, le emissioni non scendono a sufficienza così che l'obiettivo 2020 verrà mancato. Il fardello del carbone e le carenti politiche nei trasporti. Se ne è parlato nel corso del "Berlin Energy Transition Dialogue". L'editoriale di Gianni Silvestrini.

Sette Stati chiedono all'Ue obiettivi più ambiziosi. Ma l'Italia non c'è

Venerdì, 27 Aprile 2018
I Ministri dell'Ambiente e dell'Energia di Francia, Germania, Svezia, Portogallo, Paesi Bassi, Lussemburgo, Finlandia si sono riuniti a Parigi per chiedere all'Unione europea obiettivi climatici ambiziosi e in linea con l'accordo di Parigi. L'Italia non era tra questi paesi.

Come quadruplicare il prezzo della CO2 per chiudere i conti col carbone

Giovedì, 26 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
Un nuovo studio di Carbon Tracker spiega perché la prossima riforma del mercato EU-ETS non basterà ad allineare la politica europea agli accordi di Parigi sul clima. Il costo della tonnellata di anidride carbonica dovrà salire a 45-55 € nel 2030, circa quattro volte il valore odierno.

Emissioni marittime: gli impegni dell’IMO, il ruolo dei porti e degli armatori

Giovedì, 26 Aprile 2018
Daniela Patrucco
Varata la “strategia iniziale”: l’IMO si impegna per la riduzione del 50% delle emissioni marittime globali entro il 2050. Sarà quasi impossibile che l’impegno preso sia compatibile con il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi. Una sintesi di quanto deciso nel meeting di Londra.

Perché le utility sono sempre più minacciate dal rischio idrico

Martedì, 24 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
Nuovi dati del World Resources Institute mostrano che il 47% della capacità di generazione termoelettrica convenzionale si trova in aree affette da stress idrico causati da diversi motivi: siccità, competizione per gli usi dell’acqua, terreni aridi. Qualche osservazione sul "water risk", con un occhio puntato anche sull’Italia.

La trasformazione del sistema energetico mondiale al 2050

Lunedì, 23 Aprile 2018
Redazione QualEnergia.it
Un rapporto IRENA ritiene che la strategia migliore dal punto di vista energetico, economico e sociale per una transizione che punti agli obiettivi climatici previsti dall'accordo di Parigi è quella che acceleri la crescita di rinnovabili ed efficienza: insieme devono contribuire per oltre il 90% della riduzione delle emissioni di CO2 collegate all'energia.