Un software open source per tagliare i costi dell'elettricità

Venerdì, 22 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
Dal Fraunhofer Institut una sorta di “Android della domotica” interfacciata con la smart grid. Una piattaforma open source capace di ospitare un numero infinito di applicazioni per gestire in maniera intelligente l'energia, comandando e coordinando quasi tutto: elettrodomestici, sistemi di riscaldamento, impianti fotovoltaici o di cogenerazione.

Ecco perchè costruire verde conviene anche economicamente

Giovedì, 21 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
Costruire “verde” conviene economicamente, sotto ogni punto di vista: dalle spese di gestione fino all'aspetto della creazione di valore spendibile sul mercato immobiliare. Il perché cerca di spiegarlo un nuovo report del Green Building Council che propone una raccolta della letteratura scientifica sull'argomento.

Solare termico, c’è tanto potenziale oltre gli scaldacqua

Giovedì, 21 Marzo 2013
Leonardo Berlen
Entro il 2050 il 20% dell’energia usata per produrre calore industriale a bassa temperatura, cioè al di sotto dei 120°, potrebbe essere fornito dal solare termico: collettori solari pari a circa una potenza di 3.200 GW termici, in grado di produrre 7,2 EJ di calore solare. Un'ipotesi e un potenziale che viene confermato ormai da molti esperti europei.

La brusca frenata dell'eolico italiano nel 2013

Giovedì, 21 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
Per effetto del nuovo sistema incentivante il settore eolico tornerà ai volumi di 10 anni fa. Aste e contingenti frenano la realizzazione di nuovi parchi, ma hanno spinto a tagliare i costi del kWh. Fermo il repowering, il minieolico verso il raddoppio. La fotografia del settore nell'ultimo report sulle rinnovabili elettriche dell'Energy & Strategy Group.

Urgenti idee green per un nuovo governo

Mercoledì, 20 Marzo 2013
Pasquale Pistorio
Cosa dovrebbe fare oggi un neo governo, possibilmente stabile e autorevole, a guida centrosinistra? Ecco alcune proposte di green economy, su fonti rinnovabili efotovoltaico, efficienza energetica, trasporti e rifiuti, indicate da Pasquale Pistorio, ex amministratore delegato di STMicroelectronics e presidente onorario di Kyoto Club.

Un nuovo incentivo per il risparmio energetico nei condomini italiani

Mercoledì, 20 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
Con un contributo dal 31 al 36% sull'investimento si garantirebbe alle ESCO un rientro in 8-11 anni, abbinando anche la gestione degli impianti. Per gli inquilini nessuna spesa, ma risparmi fino al 50% dopo un certo numero di anni. Si potrebbe arrivare a risparmiare 1 Mtep/anno e creare 120mila nuovi posti di lavoro per il periodo 2014-2020. La proposta di Legambiente.

Crisi del fotovoltaico: fallita Suntech, possibile nazionalizzazione?

Mercoledì, 20 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
La crisi da sovrapproduzione del fotovoltaico ha fatto un'altra vittima illustre: oggi il gigante cinese Suntech ha dato avvio alla procedura fallimentare. Possibile una prossima nazionalizzazione dell'azienda.

Ecco perché servirebbe un Ministero dell'Energia

Mercoledì, 20 Marzo 2013
Valerio Rossi Albertini
Da dove cominciare per un rinnovamento nelle politiche energetiche? La SEN, un embrione di piano energetico, è esercizio lodevole ma non basta. La questione energia riguarda gran parte dei ministeri, nelle rispettive competenze, ed è per questo che servirebbe un Ministero dell'Energia. Un commento di Valerio Rossi Albertini del Cnr.

UE, cresce del 61% in 10 anni la quota di elettricità da rinnovabili

Martedì, 19 Marzo 2013
Redazione Qualenergia.it
In Europa la strada per una produzione elettrica al 100% rinnovabile è ancora lunga. Tuttavia la quota dei consumi elettrici da rinnovabili è cresciuta del 61% nel periodo 2000-2010 e il trend è ancora in aumento. Solo facendo riferimento all'eolico, la produzione 2012 nell'UE27 è stimata in 231 TWh, pari al 7% dei consumi lordi totali.

C'è chi dice 'No' al rigassificatore di Gioia Tauro

Martedì, 19 Marzo 2013
Al ministero dello Sviluppo economico riunione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle con rappresentanti del dicastero per spiegare le motivazioni della loro contrarietà al rigassificatore nell'area portuale di San Ferdinando e Gioia Tauro. Presenti anche il sindaco di Gioia Tauro e il presidente dei sindaci della Piana.

Al ministero dello Sviluppo economico è in corso una riunione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle con rappresentanti del dicastero per spiegare le motivazioni della loro contrarietà al rigassificatore nell'area portuale di San Ferdinando e Gioia Tauro (RC). Sono presenti anche il sindaco di Gioia Tauro, Renato Bellofiore, e il presidente dei sindaci della Piana, Emanuele Antonio Oliveri, anch’essi per dire 'no' al rigassificatore di San Ferdinando.