Ogni famiglia spende per l'energia in media 1.600 € all'anno

Martedì, 16 Dicembre 2014
Redazione Qualenergia.it
La nuova fotografia Istat dei consumi energetici delle famiglie: nel 2013 hanno speso oltre 42 miliardi di euro. Incide molto soprattutto il riscaldamento nel quale il metano resta la fonte più diffusa. Lampadine ad alta efficienza sono già tre quarti di quelle in uso. Il rapporto "I consumi energetici delle famiglie" realizzato da Istat con Enea e MiSE.

Da Lima a Parigi la strada sul clima è in salita. Un'analisi della Cop 20

Martedì, 16 Dicembre 2014
Giulio Meneghello
Tagliare la CO2 con rinnovabili ed efficienza energetica costa sempre meno, i danni dei cambiamenti climatici sono ormai evidenti, ma i negoziati procedono troppo lenti per la sfida. “Lima lascia grossi nodi irrisolti e difficilmente a Parigi 2015 si riuscirà ad avere un patto robusto come quello di Kyoto”, prevede l'esperto Leonardo Massai.

Galletti: "intesa Lima passo avanti verso accordo globale a Parigi"

Martedì, 16 Dicembre 2014
“L’Europa ha svolto un ruolo importante parlando con una voce sola”. La nota del ministero dell'Ambiente sull'esito della Cop 20 di Lima sui cambiamenti climatici.

Aumento Iva per il pellet, AIEL e FREE: "un emendamento da abrogare"

Martedì, 16 Dicembre 2014
AIEL e FREE chiedono l'abrogazione dell’emendamento che prevede l’aumento dell’Iva sul pellet dal 10 al 22%, che colpirebbe con aggravio dei costi oltre due milioni di famiglie italiane che lo utilizzano e oltre 42.000 unità lavorative, di cui oltre 20.000 impiegate direttamente nella produzione e distribuzione del combustibile legnoso.
Immagine Banner: 

Oneri sull'autoconsumo e scambio sul posto: le nuove regole dell'Autorità

Lunedì, 15 Dicembre 2014
Redazione Qualenergia.it
Per gli impianti in bassa tensione un fisso di 30-40 euro l'anno come oneri su autoconsumo, per quelli in media maggiorazone in base a potenza e fonte: un SEU con 200 kW di fotovoltaico pagherà tra i 250 e i 300 euro l'anno. Scambio sul posto esteso a impianti fino a 500 kW in esercizio dal 2015 e applicato anche a tariffa D1 per pompe di calore.

Appello delle associazioni ambientaliste a Juncker: "A rischio decenni di politiche ambientali"

Lunedì, 15 Dicembre 2014
Domani, 16 dicembre, la Commissione Europea potrebbe decidere di cancellare dal suo programma le nuove direttive sulla qualità dell'aria e sull'economia circolare. Un enorme passo indietro che metterebbe a rischio i risultati di anni di politiche ambientali. L'appello delle associazioni ambientaliste.

Cop 20 di Lima: "Un timido passo verso Parigi"

Lunedì, 15 Dicembre 2014
Alcuni segnali positivi di ascolto tra Paesi industrializzati e in via di sviluppo. Ma restano da definire numerosi e importanti punti, come la natura legale vincolante o meno del nuovo accordo. La strada per Parigi sarà faticosa e in salita, ma percorribile. L'analisi di Italian Climate Network e il testo uscito dal Cop 20 di Lima sui cambiamenti climatici.

A fine novembre le rinnovabili coprono il 37,4% della domanda. Il fotovoltaico quasi all'8%

Lunedì, 15 Dicembre 2014
Redazione Qualenergia.it
Secondo i dati Terna anche a novembre la domanda elettrica italiana è in calo. Nei primi 11 mesi del 2014 il fabbisogno è in diminuzione del 2,9% e la produzione interna di quasi il 4%. La generazione di tutte le fonti rinnovabili cresce del 6%, 106 TWh puliti a fine novembre, e contribuisce per il 43,2% alla produzione domestica e copre il 37,4% del consumo.

Pellet: Iva dal 10 al 22%, una tassa indiretta che colpirebbe oltre 2 milioni di famiglie

Lunedì, 15 Dicembre 2014
Redazione Qualenergia.it
La proposta di aumentare l'Iva sul pellet portandola dal 10 al 22%, bocciata alla Camera, torna al Senato, con un emendamento del Governo alla legge di Stabilità, attualmente all'esame della Commissione Bilancio. Una tassa indiretta che colpirebbe oltre 2 milioni di famiglie e farebbe crescere il prezzo del combustibile di oltre 31 euro la tonnellata, cioè circa 50 €cent a pacco da 15 kg.

Ecco come crescerà la bolletta elettrica: colpa di gas, CO2 e reti da adeguare

Venerdì, 12 Dicembre 2014
Redazione Qualenergia.it
Da qui al 2030 la bolletta elettrica italiana crescerà ancora: colpa del gas e della CO2, più cari ma anche dei costi necessari per adeguare il sistema alle rinnovabili non programmabili. Caleranno invece gli oneri di sistema e il capacity market ci costerà 1,7 miliardi l'anno. La previsione nell'ultima monografica di RSE sul sistema elettrico italiano.