Asta fotovoltaico in Messico, Enel Green Power fa l’offerta più bassa di sempre

Martedì, 21 Novembre 2017
Redazione QualEnergia.it
Il nuovo primato mondiale di 1,77 cent$/kWh batte quello registrato a ottobre in Arabia Saudita, di 1,79. La sorpresa è che il record sia stato fatto in Messico. Nel 2017 sette offerte sotto i 24 centesimi di dollari. Già nel 2019 per il FV si potrebbe toccare la soglia di un centesimo.

Nuovi materiali e nuove prospettive per rinnovabili, edifici e reti

Martedì, 21 Novembre 2017
Enrico Mariutti
La ricerca sui materiali avanzati è uno dei tasselli fondamentali nel processo di decarbonizzazione. Una breve rassegna delle possibili applicazioni dei nano-materiali e dei smart materials nei settori energetici ecosostenibili, rinnovabili in primis.

Mercato storage, nuova previsione BNEF: “boom modello fotovoltaico”

Martedì, 21 Novembre 2017
Redazione QualEnergia.it
La società di consulenza nel suo ultimo report prevede che il mercato dei sistemi di accumulo, sia per la rete che domestici, raddoppi sei volte entro il 2030, con una traiettoria “simile a quella seguita dal fotovoltaico dal 2000 al 2015”.

Efficientamento edilizia scolastica, con oltre 4 mln di euro il Friuli finanzia 4 progetti

Martedì, 21 Novembre 2017
Gli ulteriori fondi hanno permesso lo scorrimento della graduatoria del bando attribuendo le risorse a quanti erano stati esclusi. A beneficiare dei contributi saranno gli istituti di Trieste, Pradamano, Azzano Decimo e Palmanova.

Con 4 milioni 333 mila euro la Regione Friuli Venezia Giulia sosterrà gli ultimi quattro progetti presenti nella graduatoria del bando per l’efficientamento energetico di edifici scolastici.

Geotermia a bassa entalpia nell’arco alpino europeo, il progetto GRETA

Martedì, 21 Novembre 2017
Il progetto GRETA vuole dimostrare il potenziale della geotermia a bassa entalpia applicata all'arco alpino europeo e promuovere la sua integrazione nei piani energetici dei paesi di quell'area. La metodologia e i risultati ottenuti fino ad ora all'interno del progetto.

Dimostrare il potenziale della geotermia a bassa entalpia applicata all‘arco alpino europeo e promuovere la sua integrazione nei piani energetici dei paesi di quell’area.

I negoziati di Bonn sui cambiamenti climatici e l’inizio del dialogo “Talanoa”

Lunedì, 20 Novembre 2017
Veronica Caciagli
Dalla Conferenza delle Parti sul Clima arrivano timidi passi verso l’implementazione dell’Accordo di Parigi. Tra le nuove metodologie negoziali un concetto e un approccio dalle isole Fiji, Talanoa, per agevolare un negoziato più inclusivo e proficuo. Scarsi risultati sul meccanismo "Loss&Damage".

Bioenergy Day: dal 21 novembre a fine anno l’Europa sarà alimentata a bionergie

Lunedì, 20 Novembre 2017
Redazione QualEnergia.it
Il messaggio di AEBIOM all’opinione pubblica: da domani, 21 novembre, fino al termine dell'anno, l'Europa sarà alimentata dalle bioenergie. Per l’Italia il Bioenergy Day parte da oggi. Resta il fatto che per 299 giorni l’Europa è ancora fortemente dipendente da fossili e nucleare.

APE farsa, se anche l’ente pubblico vuole pagare la certificazione 30 euro

Lunedì, 20 Novembre 2017
Redazione QualEnergia.it
Un bando dell'Azienda Lombarda di edilizia residenziale, ritirato solo grazie all'intervento del Consiglio Nazionale Ingegneri, offriva 3mila euro per 98 attestati di certificazione energetica. Un prezzo inadeguato che mostra come troppo spesso l'APE sia considerato solo un adempimento burocratico.

Rinnovabili e aste “neutre”, l’annuncio della Francia e le prospettive in Italia

Lunedì, 20 Novembre 2017
Giulio Meneghello
Parigi ha annunciato la prima asta tecnologicamente neutra, in cui, cioè, il fotovoltaico si contenderà il contingente con l'eolico. Anche la SEN italiana appena approvata prevede per le aste 2018-2020 “un approccio di neutralità” tecnologica, alla quale apre anche la Legge europea appena approvata.

COP23, pochi passi avanti, zero azione. Se ne riparlerà in Polonia nel 2018

Lunedì, 20 Novembre 2017
Redazione QualEnergia.it
Mentre i dati climatici e i livelli delle emissioni di CO2 continuano a peggiorare, la COP di Bonn porta a casa modestissimi risultati e rinvia tutto al prossimo evento negoziale, che si svolgerà in Polonia nel 2018. Le associazioni ambientaliste vedono il bicchiere mezzo pieno e chiedono più ambizione da parte dei governi, soprattutto europei.