Storage nel sistema di distribuzione, un progetto pilota in Germania con Sonnen e TenneT

Giovedì, 15 Giugno 2017
News dalle Aziende
Sonnen e l’operatore di rete TenneT in Germania hanno dato vita a una partnership per il lancio di un progetto pilota che integra sistemi di accumulo nel sistema di distribuzione dell’energia elettrica, grazie a una soluzione basata sulla blockchain.

In futuro, le utenze private potranno contribuire alla stabilizzazione della rete di distribuzione consentendo una migliore integrazione delle energie rinnovabili.

Sonnen e l’operatore di rete TenneT in Germania hanno dato vita ad una partnership per il lancio di un progetto pilota che integra le batterie nel sistema di distribuzione dell’energia elettrica grazie a una soluzione basata sulla tecnologia blockchain.

Questa collaborazione è la prima nel suo genere. Utilizzando una soluzione blockchain sviluppata da IBM e i sistemi di accumulo residenziali di sonnen, il progetto di TenneT vuole accertare fino a che punto queste tecnologie possono contribuire a ridurre la necessità di misure di emergenza, come gli interventi di regolazione dei parchi eolici, al verificarsi di strozzature nella rete.

Grazie alla connessione delle batterie residenziali con l’uso di sonnen eServices, il software intelligente per la gestione della carica delle batterie si regola in modo automatico in funzione dei cambiamenti di status della rete TenneT.

“La scelta della Germania di abbandonare le fonti di energia nucleare e fossile significa più energie rinnovabili a tutti i livelli della rete, il che pone sfide significative”, ha dichiarato Urban Keussen, CEO di TenneT TSO GmbH.

“Dobbiamo essere flessibili - prosegue Keussen - nella nostra gestione della produzione di energia, solare ed eolica, che è incostante e fortemente dipendente dalle condizioni climatiche. L’uso della tecnologia blockchain ci offre nuove opportunità di collegare in rete, in modo sicuro e intelligente, in più regioni e con un unico provider, anche i sistemi distribuiti localmente. Questo ci aiuta a limitare il ricorso a misure di stabilizzazione della rete, come i dispendiosi interventi di regolazione dei parchi eolici”.

“In futuro - conclude Keussen - sprecheremo meno energia eolica e solare per l’incapacità di trasportarla. TenneT sta sperimentando questo processo finalizzato a una migliore integrazione delle energie rinnovabili decentralizzate per garantire l’approvvigionamento di energia. Con questo progetto innovativo offriamo ai cittadini la possibilità di contribuire in modo attivo alla scelta della Germania a favore della riduzione della dipendenza dalle fonti di energia nucleare e fossile. Progetti come questo supportano l’espansione della rete e sono elementi chiave per la trasformazione del sistema energetico, come l’uso più ampio dei dati di produzione di energia e una nuova flessibilità della rete, tutti fattori che ci aiutano a far funzionare in sicurezza la rete di distribuzione malgrado la quota crescente di energia fluttuante da fonti rinnovabili”.

“Sonnen sta già collegando in rete migliaia di utenti e generatori di energie rinnovabili grazie alla sonnenCommunity”, ha dichiarato Philipp Schröder, Managing Director e Chief Sales & Marketing Officer di sonnen. “Tuttavia, il futuro della generazione di elettricità sarà composto da milioni di piccole fonti di elettricità decentralizzate, che comprenderanno sia prosumer che consumatori. La tecnologia blockchain è ciò che rende possibile lo scambio simultaneo in massa tra tutti questi soggetti ed è pertanto l’anello mancante per un futuro energetico decentralizzato completamente CO2-free”.

La rete di distribuzione e le rinnovabili

Le strozzature che ostacolano il trasporto nella rete di distribuzione si verificano con sempre maggiore frequenza a causa dell’aumentata immissione di energie rinnovabili decentralizzate. Al fine di evitare questi “ingorghi” nella rete di distribuzione, TenneT e gli altri operatori di rete intervengono nella generazione di elettricità convenzionale e rinnovabile, con il ridispacciamento dell’elettricità grazie all’uso di riserve di rete e gli interventi di regolazione dei parchi eolici, riducendo di fatto la quantità di elettricità che deve essere trasportata.

Solo nel 2016, queste misure sono costate alla Germania all’incirca 800 milioni di euro, di cui gran parte per interventi di regolazione dei parchi eolici. Questi costi elevati vengono, in definitiva, addossati ai consumatori sotto forma di oneri di rete. Oltre a consentire l’espansione della rete, la maggiore “flessibilità” generata dalle batterie può contribuire a limitare il ricorso ad onerosi interventi manuali di stabilizzazione della rete, offrendo un risparmio ai consumatori.

Il progetto

Nel progetto pilota, sonnen e TenneT garantiranno una maggiore flessibilità delle rete grazie alle batterie di accumulo residenziali interconnesse che saranno messe a disposizione degli operatori di rete per aiutarli nella gestione in caso di strozzature nella rete.

Questi sistemi di accumulo collegati in rete sono in grado di assorbire e cedere l’elettricità in eccesso in pochi secondi, secondo necessità, riducendo le strozzature che ostacolano il trasporto di energia elettrica.

Questo progetto, che trae vantaggio da questa nuova flessibilità della rete e promuove un uso più ampio dei dati di produzione di energia elettrica, è solo una delle soluzioni che TenneT sta implementando per assicurare che la rete abbia la capacità di far fronte alle sfide rappresentate dall’uscita della Germania dall’energia nucleare e fossile.

La tecnologia utilizzata

Per sonnen, la tecnologia blockchain è un passo ulteriore verso l’uso futuro di energia pulita decentralizzata. Sonnen eServices GmbH, operatore di sonnenCommunity, è il primo partner a sottoscrivere il progetto TenneT, che rappresenta il passo successivo verso lo sviluppo di un network di energia più semplice e più efficace di batterie di accumulo, centrali solari e reti di distribuzione.

Il processo digitale di verifica e documentazione dei valori di rendimento di questi sistemi flessibili di generazione di energia distribuita è reso possibile grazie all’uso di IBM Blockchain, messo a punto con Hyperledger Fabric, l’implementazione di una piattaforma blockchain e uno dei progetti Hyperledger ospitati dalla Linux Foundation. IBM svilupperà questa piattaforma per garantire la verificabilità e la trasparenza delle transazioni delle batterie small scale.

Questa soluzione riveste un ruolo significativo nel garantire che le transazioni tra market player siano trasparenti e verificabili, con una attesa semplificazione sostanziale del modo in cui i fornitori di elettricità flessibile distribuita localmente potranno offrire servizi per supportare gli operatori di rete in futuro.

La tecnologia blockchain facilita e velocizza il processo di implementazione, nel pieno rispetto dei requisiti TenneT di sicurezza e precisione dei dati, garantendo al tempo stesso accesso limitato e privacy.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF