Quel marcio sul ciclo dei rifiuti scoperchiato dall'inchiesta di Fanpage.it

Giovedì, 1 Marzo 2018
Leonardo Berlen
L'inchiesta video “Bloody Money" di Fanpage.it sul ciclo dei rifiuti in Italia è assolutamente da conoscere. Purtroppo questo scoop non sta avendo la dovuta evidenza sulla stampa nazionale. Riteniamo sia un nostro dovere rilanciarla anche sulla nostra testata.

Non è il nostro principale settore di informazione, sebbene piuttosto legato ai temi che trattiamo, ma l'inchiesta video “Bloody Money" di Fanpage.it sul ciclo dei rifiuti in Italia è assolutamente da conoscere per comprendere il malaffare che spesso ruota intorno a questo problema fondamentale.

Purtroppo questo scoop non sta avendo la dovuta evidenza sulla stampa nazionale. Quindi, nel nostro piccolo, riteniamo sia un nostro dovere, anche civile, rilanciarla ai lettori di questa testata, e senza troppi commenti.

Sta scoperchiando il marciume di un sistema che coinvolge molti soggetti, anche insospettabili: professionisti, politici, aziende del nord Italia, società legate alle istituzioni regionali, oltre ovviamente alla criminalità organizzata.

Uno dei metodi utilizzati da queste persone è declassare la pericolosità dei rifiuti e consentirne l’impiego in cantieri e opere infrastrutturali, con grave rischio per la salute della comunità. Il tutto con l’utilizzo anche di denaro riciclato della camorra. E forse siamo solo alla punta dell’iceberg.

L’inchiesta di Fanpage.it ha fatto partire un'inchiesta della Procura di Napoli che sta indagando, infatti, su politici e imprenditori.

Come ha scritto ieri Linkiesta “Sembra una fiction, è la realtà. E se non volete crederci, ci sono i numeri del Rapporto Ecomafia di Legambiente a suffragarlo. In Italia, nel solo 2016 sono stati contestati dalla forze dell’ordine circa 26mila crimini ambientali. 25.899, per la precisione. 71 al giorno, 3 ogni ora, per un giro d'affari complessivo di 13 miliardi di euro. Di quei 26mila crimini, seimila riguardano i rifiuti, in crescita del 12% rispetto al 2015. Non solo: nel corso dell’ultimo anno e mezzo, sono state sequestrate 756mila tonnellate di rifiuti, pari a 30mila tir, una colonna in grado di intasare l’autostrada da Roma a Modena”.

Ecco la dimensione della questione.

Clicca sull'immagine il link per vedere le puntate dell’inchiesta video “Bloody Money” di Fanpage.it:

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF