Detrazioni per ristrutturazione edilizia, quando serve la comunicazione all’Asl?

Martedì, 10 Ottobre 2017
Redazione QualEnergia.it
Un chiarimento dall'Agenzia delle Entrate sui casi in cui è necessario inviare la comunicazione all’Asl per poter beneficiare della detrazione Irpef per gli interventi di recupero edilizio.

Per poter beneficiare della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio (articolo 16-bis, Tuir), l’invio (con raccomandata a/r o altre modalità stabilite dalla Regione) della comunicazione all’Azienda sanitaria locale territorialmente competente non è sempre necessario.

Infatti, la comunicazione (notifica preliminare all’Asl e alla direzione provinciale del Lavoro territorialmente competenti) deve essere effettuata solo nei casi in cui la normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro espressamente lo prevede.

Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate rispondendo a un quesito dall’apposita rubrica sul suo organo di stampa Fisco Oggi.

L’ obbligo – precisa – sussiste, in particolare, nel caso di cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non  contemporanea; di cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nell’ipotesi precedente per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera; cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini/giorno (articolo 99, Dlgs 81/2008).

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF