Consumi di gas nel 2017: in crescita di circa il 6%

Giovedì, 4 Gennaio 2018
Redazione QualEnergia.it
Secondo le prime stime il consumo di gas lo scorso anno è stato di 74,7 mld di metri cubi, circa 4,3 mld di m3 in più del 2016. In aumento il gas per alimentare le centrali termoelettriche e per i consumi industriali. L'import dalla Russia è quasi un terzo della richiesta nazionale. Ma sotto di 11,5 mld di m3 dal record del 2005.
Immagine Banner: 

I consumi di gas naturale quest’anno sono aumentati di circa il 6,1% rispetto al 2016.

Questo dato è una elaborazione dei dati Snam Rete Gas da parte della Staffetta Quotidiana. Attendiamo per la seconda parte del mese di gennaio i dati ufficiali forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico (DGSAIE) che finora ha pubblicato solo quelli a fine novembre 2017 (vedi tabella sotto).

Per il dato 2017 la stima è un consumo di 74,7 mld di metri cubi, circa 4,3 mld di m3 in più del 2016. Sul 2015 la crescita risulterebbe dell’11,6%.

Anche con un balzo in avanti nel mese di dicembre si può dire tuttavia che i consumi di gas naturale nel 2017 sono ancora molto lontani (-13,3%) da quelli record del 2005, quando la domanda arrivò a 86,2 mld di m3.

Un significativo fattore che ha mantenuto alti i consumi, circa un terzo del totale, è il gas per alimentare le centrali termoelettriche che hanno dovuto coprire il calo dell’import di elettricità generata dalle centrali nucleari francesi, oltre all’ormai costante diminuzione della produzione da idroelettrico nazionale.

Cresce anche il consumo di gas della grande industria, grazie ad un aumento della produzione.

Le importazioni di gas naturale stimate per il 2017 sono state poco più di 69 mld di mc, 4 mld in più rispetto al 2016.

Se consideriamo però il dato ufficiale annuale fino a novembre 2017, vediamo che il principale fornitore di gas resta la Russia con un incremento dell’import del 5,3%, in rialzo probabilmente con il dato di dicembre.

In leggera crescita la seconda fonte di l’import, quella dall’Algeria +1%); in aumento il gas dal Nord Europa (+10%) e ancora in flessione l’import dalla Libia (-2,5%).

Per quanto riguarda il Gnl, si registra un rialzo rispetto al 2016. Ripartono anche i rigassificatori di Panigaglia e Livorno.

La produzione nazionale di gas continua però a scendere inesorabilmente anche quest’anno: a novembre era di circa 5 mld di m3 (-3,6% sul 2016 e circa -18% sul 2015). Ricordiamo che si è dimezzata in un decennio.

A fine gennaio forniremo cifre più dettagliate su consumi, import e richieste dai diversi settori.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF