Biometano da rifiuti, inaugurato un impianto innovativo a Foligno

Giovedì, 31 Maggio 2018
Redazione QualEnergia.it
Una volta a pieno regime tratterà 53.500 tonnellate di rifiuti organici e sfalci di verde pubblico all’anno e produrrà 15mila tonnellate di compost di qualità e 4 milioni di metri cubi di biometano, con un risparmio di 3mila 280 tonnellate di petrolio.

È stato inaugurato ieri “Foligno Biometano”, un impianto per la produzione di biometano e compost.

Il nuovo impianto,   realizzazione da Asja Ambiente Italia nell’ambito di un iniziativa promossa da Auri (Autorità umbra rifiuti e idrico) e Vus (Valle umbra servizi) – spiega una nota della Regione Umbria – integra l’impianto di Casone già in funzione e permette una migliore gestione della frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FOU), “garantendo vantaggi ambientali e risparmi economici per il territorio”.

Il sistema impiantistico si compone di due sezioni: una per la produzione di compost di qualità, che già dalla prossima settimana inizierà a ricevere i rifiuti umidi e la frazione verde (sfalci e potature) raccolti nei comuni gestiti, e una sezione per la produzione di biometano, che sarà completata e attivata entro fine anno.

Le due sezioni – si spiega – sono distinte ma progettate per operare sia in modo autonomo dal punto di vista funzionale, sia in modo integrato. Il risultato è un sistema completo di trattamento e gestione del rifiuto.

L’impianto è provvisto di un digestore completamente sigillato entro il quale i rifiuti organici vengono trasformati in biogas attraverso un processo che avviene in totale assenza di ossigeno e, quindi, di odori.

Va comunque evidenziato che l’impianto è dotato di un sistema di captazione e trattamento delle emissioni odorigene e di un programma di controllo e monitoraggio costante del processo.

Una volta a pieno regime il sistema tratterà 53.500 tonnellate di rifiuti organici e sfalci di verde pubblico all’anno e produrrà 15mila tonnellate di compost di qualità e 4 milioni di metri cubi di biometano, con un risparmio di 3mila 280 tonnellate di petrolio.

Grazie al biodigestore – sottolinea il comunicato della Regione – 2.857 famiglie e 573 auto potranno essere rifornite con il biometano di alta qualità ed efficienza, adatto ad essere immesso sia nella rete di distribuzione, sia destinato al settore dei trasporti.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF